Viaggio tra le Capitali Europee minori

Lubiana
Lubiana
-

Un viaggio entusiasmante e sorprendente tra le capitali europee minori non può che iniziare da Lubiana, la capitale della Slovenia, a pochi chilometri dall’Italia: una città piena di attrazioni caratterizzata da un clima romantico e resa suggestiva dalla storia che la contraddistingue. Da non perdere il centro storico, ma in ogni angolo di Lubiana si possono ammirare le opere di Joze Plecnik, urbanista e architetto che nella prima metà del secolo scorso ha ridisegnato con un tocco artistico inconfondibile la città. Gli amanti della cultura non possono fare a meno di recarsi nella Biblioteca Nazionale ed Universitaria, per altro opera dello stesso Plecnik, costruita dal 1936 al 1941: la sua scalinata centrale monumentale, realizzata in marmo scuro e protetta da 32 colonne, lascia quasi senza fiato.

Nell’ambito di un tour tra le capitali europee meno conosciute vale la pena di fare tappa anche a Riga, in Lettonia, che può vantare il soprannome di Parigi del Baltico. Per verificare se questa nomea sia meritata o meno, non si può fare altro che recarsi in questa città caratterizzata dalla presenza di diverse centinaia di edifici in stile liberty. Da Barona Street a Merkela Street, passando per Kalpaka Boulevard, c’è solo l’imbarazzo della scelta visto il valore di ogni angolo della capitale lettone. Interessante anche il mercato centrale, ricavato da quello che, all’inizio del secolo scorso, era un hangar per gli Zeppelin, i dirigibili tedeschi, e che si sviluppa su una superficie di più di 70mila metri quadri al chiuso. Chi vuole acquistare del buonissimo pesce fresco non può che fare tappa qui.

Sempre sul Baltico, ma in Estonia, ecco Tallinn, una città che da quasi 20 anni è addirittura Patrimonio Mondiale dell’Umanità per l’Unesco. Passeggiando tra le sue strade, non è difficile capirne il motivo: rimanere affascinati dai suoi edifici medievali è solo una delle tante opzioni a disposizione, ma chi vuole gustare un caffè caldo ha la possibilità di scegliere tra numerosi locali. Il centro storico della città è diviso in due parti: una è la città antica, che corrisponde alla parte bassa e che prende il nome di Vanaliin, mentre l’altra è la collina della Cattedrale, che corrisponde alla parte alta e che prende il nome di Toompea.

Infine, un vero giro tra le capitali europee minori non può che puntare su Zagabria, in Croazia, una città dalla conformazione urbanistica speciale che rispecchia la sua lunga e – sotto certi punti di vista – elaborata storia, mostrando sì i segni del comunismo, ma anche le reminiscenze del periodo dell’Impero austro-ungarico e, soprattutto, le tracce del Medio Evo. In città alta meritano di essere ammirati la piazza Kaptol Trg, con la Porta di Pietra che rappresenta l’ingresso della città a est, e la Cattedrale dell’Assunzione, un edificio religioso di origine gotica che comprende un ciclo di affreschi risalente al XIII secolo; in città bassa, invece, ci sono numerosi musei, il più celebre dei quali è forse il Museo Mimara, che propone opere d’arte realizzate, tra gli altri, da Degas, da Rembrandt, da Renoir e perfino da Caravaggio. 

Summary
Viaggio nelle Capitali Europee minori
Article Name
Viaggio nelle Capitali Europee minori
Description
Un viaggio entusiasmante e sorprendente tra le capitali europee minori non può che iniziare da Lubiana, la capitale della Slovenia, a pochi chilometri dall'Italia per poi proseguire per Tallin, Lubiana, e altre.
Publisher Name
findingtravel.it