Cosa fare a Folgaria in Estate

cosa fare a folgaria in estate
-

Cosa fare a Folgaria in Estate? È la domanda che mi sono posto quest’anno, quando ho deciso di passare una settimana di vacanze in montagna insieme alla mia famiglia. Folgaria offre tanto in inverno, con le sue piste da sci, ma in estate? Solo dopo ho scoperto che questa località offre tantissime cose da fare, soprattutto alle famiglie con i bambini.

Cosa fare a Folgaria

Nel momento in cui ho deciso di passare le vacanze in montagna, mi sono messo in cerca di una meta adatta per le famiglie con bambini, come la mia. In particolare avevo deciso di andare in Trentino, dove ero già stato in inverno in località come Merano, Vipiteno e Madonna di Campiglio.

Per l’estate invece cercavo una località che offrisse cose da fare alla portata di famiglie con bambini. Quindi sentieri a bassa difficoltà di percorrenza, animazione e luoghi dove intrattenere i più piccoli.

Dopo una ricerca durata giorni, la scelta è ricaduta su Folgaria, che mi è sembrata sin da subito la località ideale per le mie esigenze.

Per quel che concerne il da farsi, a Folgaria non c’è che l’imbarazzo della scelta:

  • Sentieri
  • Parchi gioco per bambini
  • Esperienze enogastronomiche
  • Mountain Bike
  • Servizi di intrattenimento per i bambini

Ma andiamo con ordine.

Folgaria: come si pronuncia?

La prima curiosità che mi sono voluto togliere è sapere come si pronuncia Folgaria. Folgària o Folgarìa? Il dubbio me lo ha tolto la signora della reception dell’albergo che avevamo prenotato che mi ha confermato che la pronuncia corretta e Folgarìa, con l’accento sulla i.

Come arrivare a Folgaria?

Sono solito muovermi in macchina per cui l’indicazione che posso dare è relativa a questo mezzo di trasporto. Per arrivare a Folgaria occorre percorrere l’A22 Modena-Brennero ed uscire al casello di Rovereto. Da li, le indicazioni non mancano ed in meno di mezz’ora sarete arrivati a destinazione.

So per certo che Folgaria è ben collegata anche con gli efficientissimi mezzi pubblici trentini, con i Bus della linea interurbana. Dalla Stazione Ferroviaria di Rovereto troverete le partenze per questa cittadina dell’Alpe Cimbra.

Vacanze a Folgaria in Estate

sentiero folgaria

Sono sincero nel dirvi che fino alla partenza, non sapevo cosa avrei avuto da fare a Folgaria in estate. Ero conscio che avrei potuto cimentarmi nei sentieri immersi nella natura con lunghe passeggiate a piedi o in mountain bike, ma sarei riuscito a intrattenere i bambini senza farli annoiare (e conseguentemente rovinare la vacanza)?

I dubbi sono stati fugati appena arrivato in albergo, dove ho trovato un bel programma settimanale di escursioni di gruppo guidate, da fare ogni giorno. In pratica l’albergo, in associazione con altri hotel di Folgaria, usufruiscono dei servizi “Family Emotions”, che fornisce guide ed intrattenitori da mettere a disposizione delle famiglie in vacanza a Folgaria. Ogni giorno una cosa da fare, tutto bello che organizzato. Problema risolto.

Non abbiamo partecipato a tutte e 7 le escursioni previste nella settimana in cui siamo stati a Folgaria, perché ci siamo riservati anche qualche giorno per noi, da dedicare alla visita della cittadina (dove si passeggia benissimo) e dei paesi nei dintorni, tra cui Lavarone e Luserna.

Il programma prevedeva anche un baby club per bambini fino a 7 anni, grazie al quale ogni mattina i bambini venivano intrattenuti dallo staff della Family Emotions, mentre i genitori potevano godersi le escursioni. Noi abbiamo preferito vivere la vacanza tutti insieme, per cui i bambini sono sempre venuti con noi.

Passeggiata a Folgaria

passaggiata al centro di folgaria

passaggiata al centro di Folgaria

A Folgaria, inteso come centro cittadino, abbiamo dedicato due mezze giornate. Durante la prima abbiamo passeggiato per conoscere il posto e capire dove poter mangiare e dove acquistare qualche regalino da riportare agli amici. La seconda per goderci la passeggiata e rilassarci dopo una giornata trascorsa per sentieri.

Negozio Souvenir

Se vi occorre acquistare dei regali o ricordini, potrete farlo al meglio presso il negozio MR Maria Rosa. Si trova alla fine del corso e non si deve confondere con l’omonimo negozio, situato poco prima, che vende abbigliamento sportivo. Superate questo secondo negozio e dopo pochi metri troverete il posto ideale per acquistare i vostri souvenir.

Negozio Prodotti Tipici del Trentino

Per chi non vuole andar via da Folgaria senza qualche prodotto tipico invece, consiglio l’enoteca El Prosak. Si tratta di una botteghina situata sempre alla fine del corso principale, lato destro. la riconoscete perché è l’unico edificio colorato di azzurro del paese.

Li dentro potrete acquistare grappe, amari e vini trentini, marmellate, salumi e altri prodotti tipici. Il giovane commesso è molto competente e sa consigliare bene.

Colazione (o merenda) a Folgaria

macaron al John Café di Folgaria

macaron al John Café di Folgaria

Capitolo colazione o spuntino. Noi ci siamo trovati benissimo al John Caffé, un grande bar che offre pasticceria, gelati, aperitivi e caffetteria varia. Da segnalare la grande scelta di Macarons, ma anche il delizioso Strudel. Il caffé? Il migliore di Folgaria.

Il miglior Gelato di Folgaria

Gelato. Per il gelato dovete assolutamente andare alla Baita del Gelato e del Cioccolato. Si trova sulla destra, appena entrati sul corso principale di Folgaria.

Il trenino di Folgaria

trenino folgaria

trenino folgaria

Un servizio che ci è rimasto molto comodo è stato il trenino. Non si tratta di un treno vero e proprio, ma di un mezzo a motore su gomma che traina due piccole locomotive su strada. Il trenino passa ogni ora e permette una visita panoramica di Folgaria e allo stesso tempo funge da servizio di trasporto.

Il nostro hotel, si trovava poche centinaia di metri fuori il centro abitato, ma per tornarci si era costretti ad affrontare una salita molto faticosa per i bambini ( e anche per noi adulti sinceramente). Il trenino ci riportava ogni sera in albergo in maniera piacevole e divertente e ci evitava lo sforzo. Il costo del biglietto ammonta a 2,50 euro.

Noleggio Bici

Per gli amanti della bicicletta, è possibile affittare Mountain Bike ed E-Bike.

Sentieri da fare a Folgaria

Sentiero Folgaria in Bicicletta

Sentiero Folgaria in Bicicletta

Sentieri a Folgaria, e in tutta l’Alpe Cimbra, non mancano di certo e si va da quelli più facili, alla portata di tutti, a quelli più impegnativi che raggiungono le vette vicine.

Ovviamente noi abbiamo optato per i meno difficili, sia perché avevamo bambini al seguito, sia perché non sapevamo se noi stessi saremmo stati in grado di affrontarne di più difficili.

Sin dalla prima uscita siamo stati rincuorati dalla presenza di numerose altre famiglie con bambini, dai 6 mesi ai 10 anni. Qualcuno ha optato per le sacche da mettere appese al petto per trasportare i più piccoli. Altri, hanno noleggiato dei passeggini con 3 ruote molto grandi e dotati di freno per affrontare le discese in sicurezza.

Ma andiamo ora a descrivere i sentieri che abbiamo affrontato noi. Ricordiamo che erano escursioni di gruppo guidate, offerte (comprese nel prezzo) dagli albergatori di Folgaria, in collaborazione con il circuito Family Emotion.

Ecco il programma di escursioni della nostra settimana.

  • Lunedì: Escursione al sentiero dell’Immaginario Cimbro
  • Martedì: Passeggiata da Passo Sommo alle Fontanelle e ridiscesa in centro
  • Mercoledì: Tour delle malghe con degustazioni
  • Giovedì: Visita a Forte Belvedere e pic nic a Parco Palù con giochi all’aperto
  • Venerdì: Maratona in centro + Holy color
  • Sabato: Escursione al lago Coe più risalita Monte Maggio
  • Domenica: Sentiero dell’acqua con visita al mulino

Di questi vi raccontiamo i seguenti…

Escursione al sentiero dell’Immaginario Cimbro (Luserna)

Sentiero dell'immaginario Cimbro

Sentiero dell’immaginario Cimbro

Questa escursione è stata davvero carina, specialmente per i più piccoli. Siamo giunti a Luserna in auto, seguendo la vettura della nostra guida, Marco. Altri che non volevano prendere la macchina, hanno potuto prendere il bus che porta da Folgaria a Luserna e ci siamo ritrovati nella piazza principale di questo piccolo paese di montagna.

Da li, abbiamo preso un sentiero in salita che ci ha condotti all’interno di un bosco meraviglioso. Il tragitto, di circa 8 Km, è fatto di piccole salite e piccole discese, con lunghi tratti anche pianeggianti.

Il percorso era articolato a tappe. Ad ogni tappa si arrivava ad una statua di legno che rappresentava qualche personaggio magico del bosco. A quel punto, la guida raccontava una fiaba cimbra ai bambini che rimanevano incantati ad ascoltare. E poi si ripartiva.

Con questo metodo, tutti i bambini non hanno fatto fatica a tenere il passo, curiosi com’erano di scoprire ed ascoltare la fiaba successiva.

Al termine del percorso, siamo arrivata ad una malga (rifugio caratteristico di queste montagne). Li ci siamo accomodati ed abbiamo gustato un pranzo a base di prodotti tipici del posto. Da non perdere dei deliziosi gnocchi di patate ai mirtilli e il classico formaggio fritto chiamato tosella, servito in maniera fantasiosa, come potete vedere dalle foto successive.

gnocchi di papate con mirtilli

gnocchi di patate con mirtilli

Molto buono anche il sandwich di polenta con all’interno della carne, arricchiti da un contorno di crauti e senape al miele.

Tosella-e-Frutta

Tosella, marmellate e frutta. Fantastico!!!

Passeggiata da Passo Sommo alle Fontanelle e ridiscesa in centro

sentiero delle fontanelle a folgaria

sentiero delle fontanelle a folgaria

Altra escursione interessante è quella che va da Passo Sommo alle Fontanelle (in realtà di fontana ne abbiamo vista una sola). L’inizio in salita, faceva presagire fatica e lamentele da parte dei bambini e dei genitori con il passeggino.

Invece appena terminata la salita ci siamo trovati su un sentiero che alternava varie pendenze ma tutto comodamente percorribile.

Arrivati alle fontanelle, qualcuno ha proseguito con la guida più in alto, per arrivare al Rifugio Paradiso (1633 metri). Altri sono ridiscesi a Folgaria seguendo il sentiero tracciato in maniera eccellente. Personalmente, come anche gli altri genitori,  sono ridisceso con i bambini (per non affaticarli oltre), e ho lasciato mia moglie salire col gruppetto degli “scalatori”.

Rifugio Paradiso

Rifugio Paradiso

Questa escursione è lunga 5 Km e si percorre in meno di 3 ore. Se si arriva al Rifugio Paradiso, si allunga di un ora e mezza se di buon passo e senza passeggini. Altrimenti a passo lento e con soste ci vogliono 2 ore e mezzo. Il percorso è tutto in salita, salita ripida e lo è altrettanto la discesa. Alla Malga ovviamente è possibile pranzare.

Tour delle malghe con degustazioni (Lavarone)

La terza escursione a cui abbiamo partecipato è stata il Tour delle Malghe con degustazioni.

La tappa inizia a lavarone, nei pressi dell’Osteria Coe dove ci sono stati offerti succhi di frutta e muffin alla carota fatti in casa. Con questa bella scorta energetica, ci siamo incamminati per un sentiero all’aperto, nei pressi delle seggiovie.

Man mano che si saliva, iniziavano i pascoli, con mucche mansuete che si avvicinavano spontaneamente per farsi addirittura accarezzare.

Cammin facendo siamo arrivati alla prima Malga: la Malga Piovernetta, di proprietà del Comune di Lavarone ma gestita da oltre 50 anni da una famiglia del posto.

Qui, l’anziano proprietario, ci ha spiegato la produzione del formaggio e ci ha offerto delle degustazioni delle varie tipologie prodotte (Ricotta, Tosella, Mezzano e Stravecchio). Il latte (buonissimo, visto che ce lo hanno fatto bere), si lavora ancora in calderoni di rame e viene fatto addensare con del caglio naturale.

Assaggio latte fresco presso una malga

Assaggio latte fresco presso una malga

Presso la Malga è possibile acquistare i formaggi e dell’ottimo miele prodotto da una Malga vicina.

La seconda Malga di questo percorso è stata la  Malga Zonta-Melegna che si trova a 1600 mt di altezza. Qui si allevano pecore e mucche. Assistiamo a come si fa il formaggio da un vero casaro che poi è il proprietario della malga. Peccato che lo faccia in una sala non troppo grande dove al massimo sono potuti entrare 18-20 persone e gli altri sono rimasti fuori. Qui si produce il Vezzano, formaggio tipico di questa zona.

Al termine della dimostrazione si può acquistare il formaggio.

Formaggio presso Malga con caseificio

Formaggio presso Malga con caseificio

Il percorso, prevedeva la visita ad una terza malga dove avremmo potuto pranzare. Purtroppo era in ristrutturazione e così la visita è stata sostituita da un pic nic.

Visita a Forte Belvedere e pic nic a Parco Palù con giochi all’aperto

Questo tipo di escursione è più una visita guidata con successivo relax time per i bambini. Il cammino infatti è di pochi minuti, dopo essere giunti al ritrovo con le automobili. Comunque è di sicuro interesse visto che si visita un autentico forte austro-ungarico (Forte Belvedere), edificato nel 1909 per difendere Trento dagli attacchi degli italiani.

Forte Belvedere

Ingresso Forte Belvedere

Forte Belvedere, è talmente ben progettato e ben posizionato, al punto da far dire ai soldati in forza alla struttura, “A Trento basto io!“, per dire che quel forte era praticamente inespugnabile.

La visita è molto suggestiva e si viene condotti negli ambienti dove vivevano i soldati assegnati al forte: cucina, infermeria, mensa, cucina, sala delle comunicazioni, postazioni di guardia e dei cannoni,  alloggi dei soldati e tanto altro. Si scende nelle viscere del bunker camminando in anguste gallerie scavate nella roccia, da cui sono ormai spuntate piccole stalattiti e stalagmiti.

La temperatura qui è particolarmente bassa e si raccomanda di indossare una felpa o un giubbino.

Lungo il cammino nel forte, si trovano appese molte foto dei momenti della guerra che ne raccontano l’andamento e con cui ci si può fare un idea della vita del forte e dello stato d’animo dei soldati, visto dalla parte degli austro ungarici.

Uno dei momenti più interessanti della visita a Forte Belvedere è la sala con il plastico. Qui c’è un plastico (appunto) che ricostruisce il monte dove sorge il forte e un proiettore, che coadiuvato da una voce registrata, fa capire le strategie difensive della costruzione.

L’ingresso è gratuito se si ha la Trentino Card (che ci hanno dato in albergo), altrimenti costa 7 euro a persona (bambini fino a 6 anni gratis).

Terminata la visita a Forte Belvedere, abbiamo raggiunto il parco Palù di Lavarone, un parco giochi all’aperto con tante giostre per i bambini. La vista del parco è bellissima. Una grande area verde con un laghetto centrale con panchine e alberi che permettono di imbastire un pic nic in quattro e quattr’otto.

Naturalmente qui siamo stati benissimo. i bambini si sono sfogati a giocare ed i grandi si sono rilassati e ne hanno approfittato per fare amicizia.

Parco Palù Lavarone

Parco Palù Lavarone

Le altre escursioni

Non abbiamo fatto altre escursioni perché abbiamo preferito girare anche un pochino i dintorni, con delle belle passeggiate a Rovereto e Trento (città molto vicine a Folgaria). Non potevamo ripartire senza aver visto queste meravigliose città.

Per chi ha voglia, ci sono numerosi sentieri sia da trekking che da mountain bike, di tutti i gradi di difficoltà. Maggiori info sul sito www.alpecimbra.it.

Cosa mangiare a Folgaria

Naturalmente a Folgaria si mangia bene, soprattutto se si scelgono i piatti tipici: canderli, pizzoccheri, formaggi, strudel, gulash alla trentina, pasta al ragu di selvaggina locale, salami di cervo, speck, strudel del montanaro e così via.

Tosella con crauti

Abbigliamento da montagna in estate

Una delle cose da scegliere con cura per le vostre vacanze in montagna d’estate è l’abbigliamento. Noi abbiamo portato ed utilizzato un po’ di tutto: una felpa, un K-way, magliette a maniche corte, pantaloncini corti e lunghi, scarpe da ginnastica e da trekking, un cappello per il sole e i tipici bastoni da trekking.

La nostra vacanza a Folgaria in Estate

Come detto, abbiamo prenotato l’albergo pur non sapendo ancora cosa fare a Folgaria in estate. Eravamo fiduciosi perché sapevamo che il Trentino è una regione organizzatissima e avremmo sicuramente passato una bella settimana in montagna. Al rientro, i bambini non volevano partire e anche noi siamo ripartiti a malincuore. Una vacanza bellissima ed un’esperienza che ci sentiamo di consigliare a tutte le famiglie con bambini, stanchi delle solite vacanze al mare.

Summary
Cosa fare a Folgaria in Estate
Article Name
Cosa fare a Folgaria in Estate
Description
Cosa fare a Folgaria in Estate? È la domanda che mi sono posto quest'anno, quando ho deciso di passare una settimana di vacanze in montagna insieme alla mia famiglia. Ed ecco cosa abbiamo fatto.
Author
Publisher Name
Finding Travel
Publisher Logo