Le cinque città spagnole per le vacanze

le migliori 5 città spagnole per le vacanze

L’estate è ormai arrivata, e come al solito è arrivato anche il momento di fare i conti con le ferie e chiedersi dove trascorrere le vacanze. Caldo chiama mare, si sa: ma perché non dedicarsi a visitare mete dove la storia e il sole del Mediterraneo si fondono come in nessun altro luogo? Sto parlando della Spagna: nell’immaginario collettivo meta tipicamente estiva, associata a movida e vita notturna, eppure capace di sorprendere anche lontano dal mare e dalle spiagge grazie al suo ricchissimo patrimonio storico e culturale. Una vacanza cittadina quindi, dove le città spagnole e la loro storia dominano. Ma fra le tante, quali città privilegiare? Ecco la mia top five!

Granada

Granada l'Alhambra

Granada l’Alhambra

Partiamo dall’Andalusia, regione nel sud della Spagna e della quale vi ho già parlato in passato, e dalla città di Granada. L’aspetto per il quale la città è giustamente rinomata è principalmente il suo retaggio storico, con le architetture arabe che la caratterizzano. Storicamente compresa nel califfato di Cordova, nel periodo di dominazione islamica della penisola, oggi è una delle città spagnole più visitate: l’Alhambra, il complesso di edifici che compone la cittadella fortificata, è Patrimonio Culturale dell’Umanità. Altri siti imperdibili eredità della Spagna islamica sono i Bagni Arabi, il Generalife e il palazzo della Madraza, una delle prime università europee.

Siviglia

Siviglia

Siviglia (Spagna)

Rimaniamo in Andalusia, con tappa obbligata rappresentata dalla capitale della regione: Siviglia. Come Granada, anche Siviglia è stata profondamente influenzata dalla dominazione islamica della Spagna meridionale, potendo offrire oggi al visitatore capolavori come la Giralda, la Torre del Oro o l’Alcázar.

Ha poi attraversato un altro momento di splendore durante il periodo coloniale, con la città che potendo approfittare della collocazione strategica presso il fiume Guadalquivir ha potuto beneficiare dei traffici della tratta atlantica: le testimonianze di questo periodo sono raccolte presso l’Archivio Generale delle Indie, ricchissima biblioteca Patrimonio dell’Umanità Unesco che rappresenta il punto di riferimento per studiosi e appassionati del primo periodo coloniale delle Americhe.

Barcellona

Barcellona - Sagrada Família

Barcellona – Sagrada Família

Ci spostiamo a nord lungo la costa, verso la Catalogna, e arriviamo nella capitale della regione: Barcellona. Città ampiamente sdoganata come luogo di movida, è in realtà in grado di offrire tantissime opportunità per chi voglia approfondirne la storia.

Dopo un periodo di benessere medievale, terminato a seguito dell’apertura della tratta Atlantica, Barcellona si è riscoperta nell’Ottocento e Novecento, diventando una delle città più vivaci della Spagna. Da non perdere è il Barri Gòtic, con le botteghe e le stradine raccontate dai libri di Zafón, così come le opere architettoniche di Gaudí: fra le varie, sicuramente meritano menzione la Sagrada Família, Casa Batlló e Casa Milà.

Madrid

Madrid

Madrid

Non si può prescindere, in un elenco come questo, dalla città per eccellenza: la capitale, Madrid. Per ovvie ragioni geografiche la città è penalizzata nel turismo estivo, collocandosi pressoché al centro della penisola iberica. Tale mancanza, tuttavia, è ampiamente compensata da diversi eventi per tutti i gusti e per tutto il corso dell’anno, quali ad esempio la rassegna PHotoESPAÑA arrivata quest’anno alla 22° edizione, il torneo EPT conclusosi negli scorsi giorni e i festeggiamenti per la ricorrenza del 2 de Mayo. È dal 1500 la sede della monarchia spagnola, circostanza che ha determinato l’accentramento della vita culturale fin dall’epoca. Sotto il punto di vista di cosa vedere, infine, servirebbe un articolo a parte: mi limito a elencare il Palazzo Reale, il Museo del Prado, il Centro de Arte Reina Sofía e il Tempio di Debod.

Toledo

Toledo - Spagna

Toledo – Spagna

Per concludere, a poca distanza da Madrid, nella regione della Castilla – La Mancha troviamo Toledo. Sviluppatasi sulla cima di una collina e protetta dal fiume Tago, la sua felice posizione geografica le ha permesso di vivere un periodo prospero sia durante che dopo la dominazione araba, ospitando anche la corte reale fino al suo trasferimento a Madrid.

Centro rinomato per la sua scuola di lavorazione dell’acciaio, che ancora oggi produce oggetti caratteristici, è la città della Spagna nella quale meglio si mescolano le varie influenze. I resti di un acquedotto e di un circo, oltre che il ponte di Alcántara, testimoniano il passaggio dei Romani, mentre i vari edifici religiosi, come la Moschea della Luce e la Sinagoga del Transito, ricordano il periodo di dominazione araba e la coesistenza religiosa, insieme all’affascinante centro storico con il suo dedalo di viuzze.

Tutte le foto pubblicate sono con licenza creative commons https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/

Summary
Le cinque città spagnole per le vacanze
Article Name
Le cinque città spagnole per le vacanze
Description
La Spagna, nell'immaginario collettivo è meta tipicamente estiva, associata a movida e vita notturna, eppure è capace di sorprendere anche lontano dal mare e dalle spiagge.
Author
Publisher Name
Finding Travel
Publisher Logo